SGP3. Spazi in movimento. Geopolitiche dello sviluppo locale

 

Le politiche di coesione dell’Unione europea dovrebbero servire a diminuire il ritardo di sviluppo delle aree svantaggiate. Ma lo shock finanziario del 2008, la crisi economico-sanitaria provocata dal Covid-19, le spinte sovraniste e la Brexit hanno aumentato il divario tra le regioni del Vecchio Continente. Alcuni nodi irrisolti si ripresentano drammaticamente nelle fasi di crisi, come quello dell’integrazione politica e del riequilibrio economico tra e all’interno dei paesi.

Lo spazio europeo, diviso tra nuovi fenomeni di polarizzazione e spinte centrifughe, va continuamente riconfigurando i suoi confini amministrativi, economici e di comunità. Anche le società locali sono costrette a riorganizzare i propri spazi – in Italia, per esempio, con la Strategia per le aree interne – per non disperdere il patrimonio territoriale accumulato durante la stagione dello sviluppo locale. Sono spazi in movimento che ci spingono a pensare nuove traiettorie di sviluppo. I temi in discussione fanno da sfondo al lavoro di ricerca condotto su sistemi territoriali e sviluppo locale dal Gruppo di lavoro A.Ge.I. “Riordino territoriale e Sviluppo locale, quali elementi di contatto?”.

 

Amato Vittorio (a cura di) (2019), La nuova normalità della globalizzazione. Industria, infrastrutture, conflitti, Roma, Aracne Editrice

Cusimano Girolamo (a cura di) (2018), Echi dai territori. Spazio liquido e coaguli sociali, «Geotema», 57

Governa Francesca (2014), Tra geografia e politiche. Ripensare lo sviluppo locale, Roma, Donzelli Editore

Iammarino Simona, Andrés Rodríguez-Pose e Michael Storper (2017), Why Regional Development matters for Europe’s Economic Future, European Commission, Working Paper 07/2017

 

Profilo proponenti

 

Girolamo Cusumano è Professore Ordinario di Geografia. Insegna Geografia presso l’Università degli Studi di Palermo, dove ha ricoperto l’incarico di Presidente della Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale e di Direttore del Dipartimento di Beni Culturali Storico-Archeologici, Socio-Antropologici e Geografici.

 

Vittorio Amato è Professore Ordinario di Geografia economico-politica. È Direttore del Dipartimento di Analisi delle Dinamiche Ambientali e Territoriali presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, dove insegna Geografia Politica ed Economica e Geography of the World Economic.

 

Email di riferimento

 

girolamo.cusimano@unipa.it

INVIA QUI LA TUA PROPOSTA