Nodo 3

Soggetti, gruppi, persone:pratiche, spazi e dinamiche delle mobilità umane

Comitato Scientifico composto da: Lorena Rocca (coord.), Silvia Aru, Benedetta Castiglioni, Laura Lo Presti, Mauro Spotorno, Giacomo Zanolin

Il rapporto tra geografia e mobilità umana trova nelle relazioni tra soggetti, gruppi e persone il suo punto di riferimento più immediato. Parlare di mobilità umana significa infatti ragionare sulle diverse scale temporali e sulle relazioni che intercorrono tra la geografia (ampiamente intesa nelle sue forme di paesaggio, luogo, territorio, spazio, confine, frontiera, città, spazio digitale…) e le micro- e macro-mobilità che coinvolgono le dimensioni privata e pubblica, individuale e collettiva, con un particolare interesse per gli aspetti materiali, socio-politici, economici, simbolici ed esperienziali che caratterizzano tali processi. Il nodo invita a mettere a fuoco il fenomeno della mobilità umana nella sua complessità attraverso diverse lenti concettuali ed approcci metodologici trasversali ai singoli temi analizzati e a ragionare ad esempio sulle seguenti prospettive: le relazioni tra i soggetti che agiscono attivamente o passivamente nell’ambito delle politiche della mobilità; i luoghi, i territori e i paesaggi che generano o subiscono i movimenti e ne vengono trasformati; gli spazi di azione della mobilità; le pratiche socio-territoriali che derivano o producono le varie forme di movimento; la relazione necessaria tra mobilità e immobilità; le diverse scale spaziali e temporali delle geografie in movimento; le dinamiche che la mobilità genera dal punto di vista del public engagement e dell’educazione geografica. I temi delle sessioni potranno dunque spaziare in diverse direzioni, proponendo riflessioni attinenti alla geografia politica, economica, storica, sociale e culturale, dei movimenti materiali e/o virtuali di soggetti, gruppi e persone, in contesti quotidiani, urbani, rurali, regionali, nazionali, internazionali e globali, raccogliendo ad esempio: analisi più specifiche delle migrazioni di individui, gruppi e popolazioni che attraversano confini e frontiere; studi volti all’indagine dei legami tra movimenti demografici e dinamiche economiche; ricerche dedicate a questioni relative alla transcalarità delle mobilità sociali; indagini dedicate alle pratiche del turismo contemporaneo e a forme specifiche di mobilità (leisure, amenity migration, ecc.); riflessioni e casi studio sulle politiche e sulle pratiche di mobilità sostenibile, incluse quelle educative; metodologie per indagare, nello spazio concreto, così come in quello digitale e virtuale, il movimento umano.