Internodo AIIG. Cittadinanza globale: educazione in movimento

 

I primi 20 anni del XXI secolo pongono in rilievo la centralità dell’educazione alla cittadinanza globale in una prospettiva di sostenibilità sociale e sostenibilità ambientale. Movimenti come Friday for Future rappresentano un esercizio di cittadinanza attiva e di libertà positiva, non supportata da una radicata azione di educazione alla cittadinanza globale (OCSE-PISA 2020), come dimostrano i comportamenti alla base di fenomeni di rilevante impatto sociale e umanitario, come la recrudescenza della pandemia da SARS-COV2 nell’autunno 2020 e la lotta per i diritti civili (Black Lives Matter) negli Stati Uniti. Ma educare alla cittadinanza globale non definisce soltanto scale di appartenenza, di responsabilità, di azione più vaste, consente anche di focalizzare l’attenzione sul movimento come elemento non contingente della realtà in cui viviamo.

La sessione intende mettere in evidenza il valore di una corretta educazione geografica alla cittadinanza globale, interrogandosi sulla relazione tra insegnamento e mobility turn, proponendo una riflessione su una geografia incentrata sul movimento globale (Dematteis, 2016; Giorda, 2016), in linea con le più recenti indicazioni internazionali in ambito educativo e scolastico (Council of Europe, 2016; UNESCO, 2018) e, pur nel riconoscimento del valore della cultura orizzontale, mettendo al centro la figura della/del docente/educatore come mediatore culturale (Solimine, Zanchini, 2020).

 

Council of Europe (2016), Competences for democratic culture. Living together as equals in culturally diverse democratic societies, Strasbourg Cedex, Council of Europe.

Dematteis G. (2016), Capire un mondo in movimento, in «Ambiente Società Territorio», 1, pp. 36-37.

Giorda C. (2016), Integrare il concetto di movimento nella didattica della geografia, in «Ambiente Società Territorio», 1, pp. 32-35.

OECD (2020), PISA 2018 Results (Vol. VI), Are Students Ready to Thrive in an Interconnected World?, PISA, OECD, Paris.

Sager T., Bergmann S. (2016), The ethics of mobility. Rethinking Place, Exclusion, Freedom and Environment, Routledge.

Solimine G., Zanchini G. (2020), La cultura orizzontale, Bari-Roma, Laterza.

UNESCO – CCI (2018), Educazione alla cittadinanza globale. Temi e obiettivi di apprendimento, Parigi – Trento.

 

Profilo Proponenti

 

L’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia, fondata nel 1954, è Ente qualificato per la formazione del personale della scuola accreditato presso il MIUR, Società di cultura del territorio e membro EUGEO e dell’European Standing Conference of Geography Teachers. Aggrega oltre 2000 soci e promuove attività di formazione e culturali sia a livello nazionale sia dalle sue sezioni presenti in tutte le regioni e in quasi tutte le province in Italia.

 

Email di riferimento

 

riccardo.morri@uniroma1.it

INVIA QUI LA TUA PROPOSTA